Libretto d’impianto per climatizzatori e impianti termici

L’impianto di climatizzazione, che sia di nuova installazione o già esistente, deve essere dotato di un Libretto d’Impianto Termico (simile al libretto di impianto già da molti anni in vigore per le caldaie) che può essere rilasciato anche da un Installatore Certificato, ma l’obbligo è a carico del proprietario dell’impianto.

Nel libretto sono presenti tutti i dati fondamentali dell’impianto, quali il codice, la potenza, il combustibile utilizzato, i rapporti di manutenzione ed efficienza eventualmente eseguiti.

Inoltre, se la potenza nominale dell’impianto è maggiore di 12 kW è obbligatorio anche sottoporre lo stesso agli opportuni controlli periodici, accertandosi che, nel tempo, i consumi non siano cresciuti troppo rispetto all’iniziale rendimento.

Ogni impianto di climatizzazione deve essere installato da un’Azienda Certificata F-gas, come la ditta Ecoklima di Terni.

Per quanto riguarda l’Umbria, inoltre, la legge regionale n. 18 del 29 dicembre 2016 ha stabilito che la Regione è autorità competente, per l’intero territorio regionale, in materia di vigilanza e controllo degli impianti termici.

Il controllo della caldaia, con il rilascio del cosiddetto bollino blu, è obbligatoria per legge. La cadenza dei controlli da rispettare dipende dalla tipologia dell’impianto, ma non è più obbligatorio farla annualmente: infatti, secondo quanto stabilito dalla normativa del 2013 relativa al controllo delle caldaie e dei condizionatori (D.P.R. 74/2013), la revisione deve essere fatta in base a quanto specificato direttamente nel libretto. In particolare questi dispositivi devono essere sottoposti a controlli periodici ogni 4 anni se hanno una potenza superiore a 10 kW per quelli invernali e 12 kW per quelli estivi.

Per quanto riguarda le detrazioni fiscali, la legge di bilancio ha confermato la proroga per gli interventi sull’efficienza energetica: la sostituzione della vecchia caldaia, infatti, può beneficiare della detrazione al 65% per il risparmio energetico. Per poter usufruire della detrazione è necessario installare una caldaia a condensazione oppure una caldaia a biomassa.